13 gennaio ore 17 - Incontri letterari - "Letti al Bar" presso il Bar Boccon di Vino di Via Petrarca

letti al bar
09-01-2017

IL COMUNE INFORMA

13 gennaio ore 17,30 -presso il Bar il " Boccon di Vino "  di Via Petrarca  il primo incontro letterario di  “Letti al Bar”


Partono il prossimo 13 gennaio una una serie di incontri "Letti al bar" che vedrà la presentazione di alcuni libri scelti dall'Assessorato alla cultura del comune di Colleferro che saranno presentati nei bar della città.

Il primo appuntamento si svolgerà venerdì 13 gennaio presso il Boccondovino in via Petrarca,7 alle ore 17.00, con la presentazione del volume "Il principe che spostava le colline", di Giusy Colmo ed.Castelvecchio, biografia del Principe Antonello Ruffo di Calabria.


IL PRINCIPE CHE SPOSTAVA LE COLLINE - Antonello Ruffo di Calabria, di Giusy Colmo, edito da Castelvecchi Editore – collana Storie.
Visionario, “capace di modificare paesaggi” di essere “un creatore di atmosfere”, eccentrico, provocatore, fascinoso. Antonello Ruffo di Calabria (1930) è un aristocratico fuori dai canoni e dagli schemi, figlio ribelle di uno dei più antichi casati italiani, fratello maggiore di Paola di Liegi, regina dei Belgi. Negli anni Settanta, in piena espansione industriale, fa nascere il primo parco ornitologico italiano. La curiosità che gli brucia dentro lo spinge a incontrare personaggi come Fellini, Sciascia, Flaiano, Calvino ma anche il boss mafioso Michele Greco. E’ uno dei primi italiani a recarsi a Cuba subito dopo la rivoluzione di Fidel Castro. I politici non gli sono simpatici, soprattutto non gli piace Andreotti per il quale prova “scintille di fastidio” .

La vasta tenuta di famiglia, la Selva di Paliano, 470 ettari nel sud del Lazio in provincia di Frosinone, nelle sue mani si popola di artisti, scrittori, pittori che la frequentano per anni come Sandro Penna e Achille Campanile. Nel 1974 la svolta: Antonello mobilita un esercito di ruspe, sposta colline, scava dieci laghi, pianta 3 milioni di alberi. Nasce dal nulla il Parco Uccelli popolato da oltre 200 specie di volatili esotici. I primi ad arrivare sono un gruppo di fenicotteri rosa inviati come regalo da Fidel Castro. La Selva diventa un parco popolare frequentato da milioni di visitatori, dove è vietato consumare la Coca Cola perché “simbolo del consumismo”. Antonello si fa costruire una ferrovia privata di circa sei chilometri per far correre i suoi treni a vapore per i quali ha una vera passione. E’ alla Selva di Paliano che si girano alcune delle scene che hanno reso celebre nel 1984 il film “non ci resta che piangere” con Benigni e Troisi.

La biografia è la ricostruzione dell’ esistenza avventurosa di questo principe scomodo e ribelle, che ha vissuto sempre sul filo del rasoio, mettendo insieme la trama dei suoi ricordi, le testimonianze dei familiari, i racconti di chi lo ha conosciuto. E ancora documenti e lettere, tutto materiale inedito. Un racconto che fa luce su uno dei protagonisti più bizzarri e controversi dell’aristocrazia italiana, un viaggio originale nell’Italia degli ultimi settant’anni ricco di curiosità e aneddoti.
“E’ nato tutto da un incontro casuale il giorno di Pasqua di quattro anni fa – racconta la Colmo- quando il mio cammino si incrociava con quello di questo anziano aristocratico già ottantenne, fratello della regina del Belgio. Quel giorno del 2012 questo anziano signore dalla salute malconcia decideva di consegnare ad una perfetta sconosciuta la sua incredibile ed avvincente storia di vita. Ne è scaturito questo libro frutto di un lavoro lungo e paziente di ascolto e ricostruzione dei suoi racconti e ricordi.
Accanto a lui ho compiuto un viaggio straordinario, a passo lento, ma bellissimo nel suo vissuto. Una vita piena di slanci visionari. Un libro importante anche da un punto di vista umano perché oggi la malattia di demenza ha cancellato ad Antonello i ricordi e gli ha rubato le parole, ma non la capacità di provare emozioni. Ciò che è riuscito a raccontarmi è raccolto nelle pagine di questo libro e non andrà perduto”.


L’autrice, Giusy Colmo
Torinese di nascita, romana d’adozione, laureata in lettere, giornalista. Dopo alcuni anni di insegnamento, nel 1993 si trasferisce a Roma dove vive e lavora come responsabile della comunicazione presso l’Auser, associazione per l’invecchiamento attivo. E’ autrice di numerosi articoli su temi sociali, sulla condizione degli anziani, le loro storie, i loro diritti.

Condividi questo contenuto

Notizie e Comunicati correlati

bellli 2
12-01-2018
Spettacolo Teatrale "Pur di fare musica" - Domenica 21 gennaio 2018, ore 18,30 - Teatro Comunale Vittorio Veneto -
spettacolo
10-01-2018
12 e 13 gennaio 2018 - Spettacolo teatrale - L'apparenza inganna
Arriva la Befana
04-01-2018
Arriva la Befana
Artisti di strada
21-12-2017
Esibizione degli Artisti di Strada per le vie cittadine - Percorso itinerante

Eventi correlati

28 genn 2018
28-01-2018
Campionato Nazionale Kumite
luogo: Palazzetto dello Sport "Alfredo Romboli" Viale America - Colleferro
belli 1
21-01-2018
Spettacolo Teatrale "Pur di fare musica" con Paolo Belli
luogo: Teatro Comunale Vittorio Veneto - Domenica 21 gennaio 2018, ore 18,30
spettacolo
dal 10-01-2018 al 13-01-2018
L'apparenza inganna - Spettacolo Teatrale
luogo: Teatro Vittorio Veneto - Venerdi 12 e Sabato 13 gennaio 2018 - ore 21
Mostra
21-12-2017
Mostra "Le terre dei Conti nelle carte topografiche antiche" viaggio nella grande galleria del tempo
luogo: Colleferro - Sala Ripari (ex sala Konver)- Via degli Esplosivi

Immagini correlate

Il sito Istituzionale del Comune di Colleferro è un progetto realizzato da Internet Soluzioni S.r.l. con la piattaforma ISWEB - Content Management Framework

Portale Istituzionale del Comune di Colleferro - Responsabile: Laura Barbona - E-mail: barbona@comune.colleferro.rm.it - Telefono: 06.97203210